Casal Di Principe, 13 milioni confiscati all’ex responsabile dell’ufficio tecnico

di Redazione Zerottouno News

Casal di Principe – Ancora un collegamento tra la politica e la malavita nel piccolo comune in provincia di Caserta, noto ai più per la presenza dell’omonimo clan camorristico. A finire sotto la lente di ingrandimento della Dia di Napoli questa volta sono finiti alcuni beni, per un valore di circa 13 milioni di euro, riconducibili all’ex responsabile dell’ufficio tecnico del comune Nicola di Caterino, già coinvolto in alcune vicende legate alla costruzione di un centro commerciale nella zona nel 2007. Dalle indagini, oltre al sequestro dei suddetti beni, è venuto fuori un fitto collegamento tra le istituzioni locali e il mondo malavitoso.

 

di Vincenzo Persico

Altri articoli

Lascia commento

081News.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Nola al n.2/14.

Eventuali segnalazioni possono essere inviate a redazione@081news.it o sui social ai contatti con nome Zerottouno News.
La testata è edita e diretta da Aniello “Nello” Cassese, sede legale in Liveri (NA) – via Nazionale n.71, sede operativa in Nola (NA) – via Giordano Bruno n.40.

-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00