Accade in ItaliaIncendi anche a Pescara: brucia la Pineta Dannunziana

Redazione Zerottouno News Redazione Zerottouno News2 Agosto 20212 min
È un giorno difficile per Pescara. Da alcune ore si combatte una dura battaglia per difendere dalle fiamme lo scrigno naturale più prezioso, la Pineta Dannunziana“. A comunicarlo è il sindaco pescarese Carlo Masci. Per ore centinaia di uomini dei vigili del fuoco, carabinieri forestali, polizia di Stato, polizia municipale, protezione civile sono stati impegnati in una domenica con temperature sopra i 40 gradi e un vento di libeccio che è insidioso in ogni punto. “Siamo a lavoro per arginare i focolai d’incendio che a più riprese, seppur già spenti, in pochi secondi riprendono vigore e aggrediscono anche aree di riserva integrale – ha sottolineato Masci – Le zone più coinvolte sono la rotonda e le prime propaggini della collina di San Silvestro, l’area a valle di via Terra Vergine, Villaggio Alcione, fosso Vallelunga fino al Mare, colle Breccia, un tratto di via Scarfoglio, la parte retrostante la chiesa Stella Maris. Interessate anche alcune palme e ombrelloni dei lidi a sud, ma il cuore dell’emergenza è la pineta“.
Alcune famiglie hanno lasciato le case per sicurezza – ha poi aggiunto il sindaco – Due le abitazioni colpite, una di queste è andata distrutta. Confidiamo nella forza degli operatori, la situazione sta migliorando ma è necessario restare vigili. Ci sono stati numerosi focolai. Ora saranno gli inquirenti a dover chiarire se si sia trattato di fiamme di natura dolosa o colposa o dovute ad altre cause“. Il sindaco Carlo Masci sta seguendo da molte ore sul posto l’evolversi della situazione. Sono arrivati in via della Bonifica anche il Governatore Marco Marsilio e il presidente del Consiglio Regionale, Lorenzo Sospiri. A sera la situazione è in buona parte stata domata, anche grazie all’intervento di due elicotteri e dei canadair che dall’alto hanno rilasciato acqua sui roghi. Secondo il governatore Marsilio non c’è dubbio: ci sono stati degli inneschi messi dalla mano umano. Ad oggi dovrebbero esserci 8 feriti, oltre a molti bagnanti scappati dai lidi in seguito agli incendi.
Redazione Zerottouno News

Redazione Zerottouno News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *