Il Diritto a portata di manoLa multa è valida se non c’è il preavviso del vigile sull’auto? Ecco cosa dice la Legge

Carolina Cassese Carolina Cassese26 Dicembre 20211 min

Come sapere se si è destinatari di un multa per il parcheggio in assenza del verbale sul vetro dell’auto? La contravvenzione è valida? Approfondiamo la vicenda. Se l’auto è parcheggiata in divieto di sosta, l’agente accertatore è tenuto a rilasciare sotto il tergicristalli il “preavviso di accertamento” che permetterà all’automobilista di pagare la contravvenzione immediatamente. Se costui non provvede al pagamento, la polizia notifica a casa del proprietario dell’auto la multa. Dal ricevimento del verbale a casa decorrono i 5 giorni per poter pagare con lo sconto del 30%. In caso negativo, si dovrà pagare tutto l’importo indicato sul verbale.

Il rilascio del preavviso di accertamento non è obbligatorio, pertanto il fatto che non si trovi nulla sotto il tergicristalli non è  indicativo del fatto che non si è stati multati.

La polizia ha 90 giorni di tempo per spedire la raccomandata con la contravvenzione. Se l’automobilista riceve la multa oltre il termine di 90 giorni la stessa è illegittima e va chiesto l’annullamento,rivolgendosi o al Prefetto o al Giudice di Pace.

Ebbene, come fa l’automobilista a sapere se è stato multato o meno? L’unico sistema  previsto dal legislatore è quello di attendere il decorso dei 90 giorni successivi per verificare se il verbale verrà spedito dall’agente accertatore. Non avrebbe senso presentare una domanda scritta di accesso agli atti amministrativi al fine di accertarsi se vi sono procedimenti a proprio carico poiché il cittadino dovrebbe “auto-accusarsi”, ammettendo di aver compiuto la violazione al Codice della strada. Bisognerebbe presentarsi all’ufficio della polizia municipale e fare una richiesta verbale, sperando che dagli archivi dei computer,  si possa verificare se sussiste una sanzione amministrativa nei confronti del richiedente.

Carolina Cassese

Carolina Cassese

Laureata in giurisprudenza presso l ‘Università degli studi di Napoli Parthenope, dopo aver svolto pratica forense nella materia di diritto civile, decide di intraprendere la carriera dell’insegnamento di diritto ed economia politica presso l’istituto paritario Kolbe di Nola. Ha conseguito diversi master e specializzazioni per l‘ insegnamento ed attualmente collabora con l‘associazione Saviogroup, di cui è vicepresidente, realizzando articoli e servizi fotografici attinenti la festa dei gigli di Nola e non solo. Membro membro del Cda della Pro loco di Nola città d ‘arte con delega alla festa dei gigli. Fa parte del direttivo dell’associazione delle reti delle macchine a spalla. Membro del coro diocesano del Duomo di Nola. Ama il nuoto la pallavolo, la ginnastica artistica e la danza classica, che ha praticato in tenerà età. Da piccola ha studiato pianoforte ed è appassionata di musica classica, napoletana e dei gigli degli anni ‘70 e ‘80. In passato ha inciso alcune canzoni dei gigli, sposando il suo amore per il canto con la festa dei gigli di Nola. Ama trascorrere i weekend al cinema o prendendo parte ad escursioni nei posti più belli della Campania.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts