Nola : presentato il comitato civico per la difesa del Montezuma e della Villa di Nola

di Redazione Zerottouno News

Oggi presso il Bar-Pub “Antica Dogana” a Nola c’è stata la presentazione del Comitato Civico per la difesa del Montezuma e della Villa di Nola. Presenti esponenti politici nolani, attivisti del M5S e tante altre persone interessate alla sicurezza ed alla riapertura del parco comunale nolano, nonchè alla salvezza del noto Montezuma, albero secolare e di valore superiore ai due milioni di euro (in Europa, solo presso i Kew Gardens in Inghilterra è piantato un esemplare simile).

Il sindacao in un video comunicato sul suo profilo Facebook fa sapere : “la Villa sarà presto riaperta, la Procura sta per depositare la perizia sul parco, che l’amministrazione ha sempre mantenuto intatto. E’ una situazione molto particolare, era ed è in gioco la salute dei nostri concittadini, ragion per cui noi faremo in modo che nel momento in cui la Villa si aprirà sarà sicura per tutti. Speriamo ovviamente che, oltre ad abbattere eventualmente degli alberi, alcuni, almeno quelli più importanti, possano essere salvati”.

Sono arrivate anche le reazioni degli attivisti del M5S di Nola, che tramite un comunicato stampa si ritengono soddistaffi dell’iniziativa: “Gli attivisti del M5S di Nola plaudono all’iniziativa della nascita di un Comitato Civico per la salvaguardia del Montezuma (Taxodium Mucronatum) e dell’intera Villa comunale di Nola. Stigamatizzano l’immobilismo sia dell’Amministrazione comunale che delle opposizioni pronte a fare passerella quando si parla della Villa. Gli Attivisti,sono impegnati in questa battaglia da circa due anni,con tutta una serie di iniziative. Ricordano che se il Montezuma,“Monumento vivente”, esiste ancora unicamente per la sospensiva (n°3558 del 27.04.2015) della soprintendenza della provincia di Napoli,richiesta e sottoscritta dai parlamentari del M5S(Di Maio,Gallo,Micillo) ed immediatamente comunicata alla Stazione dei Carabinieri di Nola che bloccavano le “manovre di abbattimento”. Successivamente,una controperizia da Noi chiesta ad un “luminare” del settore il prof.dott.Andrea Maroè,specializzato nella valutazione della stabilità e vitalità delle piante arboree e nell’utilizzo delle tecniche di tree climbing,fatta anche con il nostro contributo economico ha consentito al “Montezuma” di rimanere tra noi. Gli Attivisti del M5S continueranno in questa battaglia di cultura e civiltà che sarà caratterizzata da fatti e non chiacchiere. Informeranno la cittadinanza di tutte le ulteriori iniziative e stanno preparando una interrogazione parlamentare su questa “vergognosa vicenda”. La Villa deve essere un bene comune fruibile da tutti i cittadini e non un “Braccio di ferro” con l’Amministrazione.”

Altri articoli

Lascia commento

081News.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Nola al n.2/14.

Eventuali segnalazioni possono essere inviate a redazione@081news.it o sui social ai contatti con nome Zerottouno News.
La testata è edita e diretta da Aniello “Nello” Cassese, sede legale in Liveri (NA) – via Nazionale n.71, sede operativa in Nola (NA) – via Giordano Bruno n.40.

-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00