Da Nola alla Terra Santa: i Gigli in mostra a Betlemme

Redazione Zerottouno News Redazione Zerottouno News3 Aprile 20236 min

In occasione del decennale del riconoscimento UNESCO delle feste della Rete delle grandi Macchine a spalla italiane – il Trasporto della Macchina di Santa Rosa di Viterbo, la Faradda dei Candelieri di Sassari, I Gigli di Nola e la Varia di Palmi – modello, esempio e fonte di ispirazione che coincide con i vent’anni della Convenzione UNESCO 2003 per la Salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, si apre il 4 aprile presso il Bethlehem Peace Center, in Terra Santa, la mostra “Macchine di Pace”, la prima tappa di un itinerario espositivo che, in Europa e in Italia, ha lo scopo di divulgare la cultura della tradizione mediterranea dopo il tempo sospeso della pandemia, veicolando un messaggio di pace forte e chiaro.

L’evento è sostenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e gode del patrocinio di quel Dicastero, di quello della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, del Consolato Generale d’Italia a di Gerusalemme e dei Comuni, le Arcidiocesi e le Diocesi delle città di Viterbo, Sassari, Nola e Palmi. È promossa da Rete delle grandi Macchine a spalla su idea, progetto e coordinamento scientifico di Patrizia Nardi, in collaborazione e condivisione con l’ICPI- Istituto Centrale del Patrimonio Culturale Immateriale del Ministero della Cultura, direttore Leandro Ventura.

La mostra, che viene realizzata in collaborazione con il Comune di Betlemme, presenta un’installazione di arte visiva contemporanea, in dialogo con forme e contenuti degli eventi rituali delle feste e vuole raccontare una storia millenaria “sospesa” dalla pandemia, che verrà riproposta nelle immagini e nelle musiche del film inedito di Francesco De Melis Il nostro tempo infinito e sospeso, prodotto dalla Rete e da ICPI.  Un’opera visiva e sonora in forma di affresco digitale tripartito, come un polittico polifonico e policonico che riempirà di contenuti l’immersive room che sarà realizzata a cura di Open Lab Company srl e che dialogherà con la “materialità” delle feste, attraverso gli splendidi costumi delle comunità che diventeranno parte integrante dell’architettura visiva e una delle testa-scultura del progetto Simulacrum di Giuseppe Fata Head Sculpure Fashion Designer, artista visionario contemporaneo, che ha realizzato per la mostra “Announcement of Peace”.

Un progetto italiano di grande impatto emotivo e comunicativo che in ogni suo elemento contrappone le “macchine di pace” delle feste alle “macchine da guerra”, sostenuto dalle comunità patrimoniali della Rete riunite in GRAMAS, dalla Federazione Italiana Club per l’UNESCO, dai club territoriali del Rotary International e del F.R.A.C.H. Fellowship of Rotarians who Approciate Cultural Heritageche e da Meraviglia Italiana, che mira a promuovere il patrimonio culturale italiano creando ambiti di cooperazione, di relazione e di scambio tra comunità patrimoniali, associazioni, soggetti istituzionali ed esperti italiani e palestinesi.

L’evento viene infatti realizzato grazie anche al supporto organizzativo di Giorgio Andrian, esperto culturale internazionale e Professore di Cultural Diplomacy alla VIU e di Taisir Hasbun, co-curatore della mostra insieme a Patrizia Nardi, Co-funder/editor di “This Week in Palestine” e curatore della Mostra Internazionale sul Restauro della Basilica della Natività di Betlemme.

La mostra – che al Bethlehem Peace Center, nel cuore della città e di fronte alla Basilica della Natività, resterà aperta fino al 17 aprile in uno dei momenti più suggestivi dell’anno, dalla Pasqua cristiana alla Pasqua ortodossa – sarà inaugurata alla presenza del sindaco Hanna Hanania, del Console Generale d’Italia a Gerusalemme, della locale Rappresentanza UNESCO, dei Rotary Club del territorio. La delegazione italiana, guidata da Giorgio Andrian e Patrizia Nardi, sarà ospite del Sindaco di Betlemme. Dopo l’inaugurazione, la delegazione parteciperà ad un incontro organizzato dall’Università di Betlemme sul valore del patrimonio culturale immateriale e i temi della Pace, e sarà successivamente ricevuta a Gerusalemme dal Console Generale d’Italia Giuseppe Fedele.

“Una grande occasione per promuovere e divulgare la bellezza del patrimonio culturale immateriale delle feste della Rete in quest’anno speciale – dice Patrizia Nardi, responsabile tecnico scientifico della Rete delle Grandi Macchine a Spalla italiane – in occasione del decennale del riconoscimento UNESCO che coincide con i vent’anni della Convenzione UNESCO del 2003 per la Salvaguardia del Patrimonio culturale immateriale. Ma anche una splendida occasione perché comunità di un Patrimonio dell’Umanità possano impegnarsi direttamente e concretamente sul tema della Pace, contrapponendo le proprie Macchine di Pace alle macchine da guerra che continuano a seminare morte e distruzione. Del resto, questo è il motivo di fondo per cui UNESCO nasce, ossia spingere le comunità di patrimonio, i gruppi, gli individui, le Nazioni alla collaborazione e alla cooperazione per salvaguardare la convivenza pacifica e prevenire e curare i conflitti, servendosi del patrimonio culturale e della sua capacità di creare relazioni, ponti, tra le persone. Un’operazione importante di diplomazia culturale, mediazione culturale e cooperazione internazionale che ha creato un’importante circolarità tra comunità, soggetti istituzionali, decisori politici, esperti, consentendoci di mettere in atto una strategia di cui Macchine di Pace è l’espressione più vera e commovente”.

Una bellissima opportunità – aggiunge Luca De Risi, presidente di Gramas –  per entrare in contatto con altri Paesi e altre comunità di patrimonio. L’impegno in favore della Pace deve essere costante da parte di comunità UNESCO. La Fede che alla base delle nostre Feste sarà la stella polare per la auspicata pace”.

I valori della Pace, della Giustizia Sociale e della Carità rappresentano – afferma il sindaco di Nola, Carlo Buonauro – il dono più grande che San Paolino ha lasciato in dono ai Nolani. Tali valori tramandati nei secoli attraverso la nostra Festa Eterna rappresentano l’essenza della Festa stessa. In questo senso il viaggio a Betlemme del presidente della Fondazione Festa dei Gigli in rappresentanza della nostra comunità, sarà il viatico per far giungere in Terra Santa il grande messaggio di pace di cui la nostra Città si è fatta portatrice nei secoli”.

“La Festa dei Gigli – afferma il presidente della Fondazione Festa dei Gigli, Francesco De Falco – come veicolo di pace universale: è questo il messaggio straordinario che la Fondazione Festa dei Gigli con la Rete delle feste delle grandi macchine a spalla italiane porterà a Betlemme attraverso il progetto “Machines for Peace”. Una straordinaria mostra che oltre a rappresentare una fondamentale occasione di scambio culturale e promozione internazionale della Festa dei Gigli farà da cassa di risonanza del potente messaggio di pace, solidarietà e inclusione che promana dai valori del nostro Santo Paolino, i valori in cui la nostra comunità e le nostre tradizioni affondano le proprie radici più profonde”.

Questa missione a Betlemme deve renderci ancor più consapevoli dell’importante patrimonio culturale e di fede che i nostri padri ci hanno lasciato – afferma Antonio D’Ascoli, Rappresentante della comunità festiva nolana – A noi la pesante responsabilità di esserne gelosi custodi, ma al tempo stesso anello congiunzione con le nuove generazioni, affinché i valori fondanti della nostra tradizione siano affidati correttamente ai nostri giovani”.

Redazione Zerottouno News

Redazione Zerottouno News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

a2it.it

081News.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Nola al n.2/14.
Eventuali segnalazioni possono essere inviate a redazione@081news.it o sui social ai contatti con nome Zerottouno News.
La testata è edita e diretta da Aniello “Nello” Cassese, sede legale in Liveri (NA) – via Nazionale n.71, sede operativa in Nola (NA) – via Giordano Bruno n.40.