HomeCategory081news.it - tutte i nostri Video

https://www.zerottounonews.it/wp-content/uploads/2021/07/casa-rifugio-sabino-romano-1280x720.jpg

Una casa rifugio per le donne vittime di violenza, nata dall’unione di associazioni e donatori. E’ il progetto creato a Scisciano dalle associazioni sciscianesi e mariglianesi Yabasta Restiamo Umani e Nova Koinè. Un inedito nell’Agro Nolano che ha accolto il sostegno di diverse figure politiche e imprenditoriali del territorio. “Libere di lasciare la prigione dei soprusi e delle umiliazioni. Libere di denunciare chi fa loro del male sapendo che non saranno mai lasciate sole –...

https://www.zerottounonews.it/wp-content/uploads/2021/05/Immagine-2021-05-24-192901-1280x636.jpg

A San Giuseppe Vesuviano, in provincia di Napoli, la caritas diocesana di Nola ha creato un progetto avvincente: trasformare un dormitorio in una housing sociale per accogliere e recuperare le persone. E il Covid non li ha fermati, anzi li ha spinti a fare meglio. Ecco la loro storia: Mondominio: il dormitorio della Caritas che recupera le vite – YouTube (CLICCA SUL LINK PER IL VIDEO)

https://www.zerottounonews.it/wp-content/uploads/2021/05/portici-spettinati-1280x720.jpg

“So fare una sola cosa, ovvero tagliare i capelli, e allora ho pensato che era giusto questa volta farlo per una buona causa“. Emozionato, fiero, soddisfatto: Luigi Cordato si apre e racconta quello che ha pensato appena ha scoperto, assieme alla moglie Raffaella, la grave situazione sanitaria in cui versava una donna della loro città, Portici. Nunzia, una mamma di 4 figli che, malata di tumore, deve sottoporsi ad una delicatissima operazione da migliaia di...

https://www.zerottounonews.it/wp-content/uploads/2021/04/Immagine-2021-04-26-123946-1280x720.jpg

Giovanni De Luca, presidente UILDM sezione Cicciano ci mostra quanto sia difficile per le persone disabilità vaccinarsi poichè è pressochè assente l’assistenza domiciliare. La vita per loro è diventata più dura con la pandemia, gli assegni e i progetti sono bloccati e il rischio di contrarre il virus e morire è ancora alto. Servizio a cura di Nello Cassese, riprese di Nicola Velotti:  

https://www.zerottounonews.it/wp-content/uploads/2021/04/Immagine-2021-04-22-204155-1280x682.jpg

“Ho dovuto chiedere io di vaccinarmi, nessuno mi chiamava, sono un soggetto molto fragile eppure nessuno aveva pensato a me perchè il mio medico di base non aveva voluto prenotarmi. Sono dovuto andare al centro vaccinale di persona, tra mille difficoltà. In tutto questo mia moglie non viene ancora chiamata e sono ancora in pericolo nonostante il vaccino”. E’ la denuncia di Gianluca Di Matola, 43enne scrittore della provincia di Napoli, raccontata da Nello Cassese:...