Ilva di Taranto: la Regione Puglia ha chiesto la chiusura dell’area a caldo

Redazione Zerottouno News Redazione Zerottouno News2 Febbraio 20232 min

La Regione Puglia ha chiesto al Tribunale di Milano la chiusura dell’area a caldi dell’ILVA di Taranto. Lo ha fatto formalmente in data 12 dicembre 2022, intervenendo nel giudizio da noi promosso contro ILVA e ADI e chiedendo l’accoglimento integrale delle richieste dei cittadini e di Genitori Tarantini che ha annunciato la novità.

Avendo fatta propria la richiesta di inibitoria ne consegue che anche presso la Corte di Giustizia Europea la Regione sosterrà le nostre ragioni – fa sapere l’Associazione – Questa notizia ci rende relativamente più ottimisti sull’esito della difficile causa che abbiamo intrapreso per tutelare la salute dei cittadini, calpestata dai Governi passati e anche da quello attualmente in carica che ha addirittura reintrodotto l’immunità penale in misura più ampia di quella voluta dal Governo Renzi“.

Diamo atto al presidente Emiliano di avere preso finalmente una decisione coraggiosa e rispettosa della legalità, perché a Taranto, zona di sacrificio, per far valere i diritti umani occorre anche tanto coraggio, quel coraggio che deve muovere la Giustizia – continua la nota – A differenza di altre volte, quando agli attivisti tarantini prometteva di stare dalla loro parte, ma, subito dopo, ai tavoli decisionali si allineava sulla decisione di continuare l’attività produttiva, in questo specifico caso il presidente Emiliano ha fatto il contrario. Al Governo Meloni ha scritto di condividere l’ipotesi di  un accordo di programma che disciplini la continuità produttiva, ma nella sede dove si decideranno le sorti dell’ILVA, ovvero Tribunale di Milano e Corte di Giustizia dell’Unione Europea, ha messo nero su bianco che vuole la chiusura dell’area a caldo“.

Questo è un punto di non ritorno – concludono – perché, a differenza dei teatrini della politica, nei procedimenti giudiziari le parti devono comportarsi correttamente, non possono cambiare idea a seconda di come gira il vento e devono essere leali e corrette, altrimenti vengono pesantemente sanzionate. Emiliano è un magistrato e quindi sa che le conclusioni che la Regione Puglia ha formalizzato dinnanzi ai giudici di Milano resteranno le stesse fino a fine causa“.

Redazione Zerottouno News

Redazione Zerottouno News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

a2it.it

081News.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Nola al n.2/14.
Eventuali segnalazioni possono essere inviate a redazione@081news.it o sui social ai contatti con nome Zerottouno News.
La testata è edita e diretta da Aniello “Nello” Cassese, sede legale in Liveri (NA) – via Nazionale n.71, sede operativa in Nola (NA) – via Giordano Bruno n.40.