Lavoratori con disabilità: come e quando si assumono

Carolina Cassese Carolina Cassese2 Aprile 20238 min

Come funziona l’assunzione del dipendente disabile? La prima modalità di assunzione del dipendente disabile è quella della richiesta nominativa. In poche parole, il datore di lavoro può comunicare agli organi del collocamento il nome del lavoratore del quale si richiede l’avviamento del rapporto. In alternativa alla richiesta nominativa, il datore può assumere dei dipendenti disabili mediante la stipula di apposite convenzioni con le strutture pubbliche competenti. Tale possibilità, però, è esclusa per gli appartenenti a categorie equiparate dalla legge a quella dei disabili.

Sono previste varie tipologie di convenzioni. La prima convenzione può essere diretta all’assunzione di chi presenta particolari difficoltà di inserimento. In tal caso, è necessario indicare le mansioni e le modalità del loro svolgimento; prevedere forme di sostegno, consulenza e tutoraggio per determinare l’adattamento al lavoro del disabile; stabilire verifiche periodiche sull’andamento del percorso formativo.

La convenzione può anche coinvolgere altri soggetti oltre al datore di lavoro. Ciò accade quando ha delle finalità formative: il datore assume a tempo indeterminato il disabile e lo invia per essere impiegato presso un’azienda ospitante con oneri retributivi, previdenziali e assistenziali a carico di quest’ultimo, per la durata della convenzione (12 mesi, prorogabili di ulteriori 12 mesi). Il datore di lavoro si impegna ad affidare al soggetto ospitante un determinato ammontare di commesse. Tali convenzioni riguardano al massimo 1 lavoratore disabile se il datore di lavoro occupa meno di 50 dipendenti, o il 30% dei lavoratori disabili se il datore di lavoro occupa più di 50 dipendenti. Sono coinvolti altri soggetti in caso di assunzione di disabili con particolari caratteristiche e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo ordinario. In questo caso, il datore affida commesse di lavoro a un destinatario (cooperative sociali e loro consorzi, imprese sociali e datori di lavoro non soggetti all’obbligo di riserva) che assume i disabili.

Questo tipo di convenzione può essere stipulata esclusivamente a copertura dell’aliquota d’obbligo (in ogni caso nei limiti del 10% della quota di riserva); prevede un piano personalizzato di inserimento lavorativo; deve avere una durata non inferiore a tre anni. Alla scadenza, il datore committente può rinnovare la convenzione una sola volta per un periodo non inferiore a due anni o assumere il disabile a tempo indeterminato con chiamata nominativa.

Ci sono, poi, le convenzioni-quadro che tendono a inserire i disabili disabili nelle cooperative sociali attraverso il conferimento di commesse di lavoro alle cooperative da parte delle imprese associate o aderenti. Si tratta di accordi stipulati su base territoriale dagli organismi selezionati dalle regioni con le associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori; le associazioni di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative; i consorzi.

Se un’azienda non rispetta l’obbligo di assunzione del dipendente disabile, gli uffici competenti trasmettono gli atti all’Ispettorato territoriale del lavoro per effettuare accertamenti e irrogare delle sanzioni. Il lavoratore può chiedere solo il risarcimento del danno, poiché sussiste la costituzione automatica e forzosa del rapporto di lavoro. L’imprenditore inadempiente deve risarcire l’intero danno patrimoniale subìto dal lavoratore durante tutto il periodo dell’inadempienza. Tale pregiudizio può essere determinato, sulla base degli stipendi che il lavoratore avrebbe percepito se fosse stato tempestivamente assunto.

Il rifiuto di assumere un dipendente disabile è giustificato quando il datore dimostra l’impossibilità di poter collocare in maniera utile il soggetto. Si pensi all’impiego pregiudizievole per il lavoratore invalido, per i colleghi o per la sicurezza degli impianti. Se idisabile per due volte consecutive e senza giustificato motivo non risponde alla chiamata degli organi del collocamento o rifiuta il posto di lavoro, viene cancellato dalle graduatorie per sei mesi e, eventualmente, decade dal diritto all’indennità di disoccupazione.

Carolina Cassese

Carolina Cassese

Laureata in giurisprudenza presso l ‘Università degli studi di Napoli Parthenope, dopo aver svolto pratica forense nella materia di diritto civile, decide di intraprendere la carriera dell’insegnamento di diritto ed economia politica presso l’istituto paritario Kolbe di Nola. Ha conseguito diversi master e specializzazioni per l‘ insegnamento ed attualmente collabora con l‘associazione Saviogroup, di cui è vicepresidente, realizzando articoli e servizi fotografici attinenti la festa dei gigli di Nola e non solo. Membro membro del Cda della Pro loco di Nola città d ‘arte con delega alla festa dei gigli. Fa parte del direttivo dell’associazione delle reti delle macchine a spalla. Membro del coro diocesano del Duomo di Nola. Ama il nuoto la pallavolo, la ginnastica artistica e la danza classica, che ha praticato in tenerà età. Da piccola ha studiato pianoforte ed è appassionata di musica classica, napoletana e dei gigli degli anni ‘70 e ‘80. In passato ha inciso alcune canzoni dei gigli, sposando il suo amore per il canto con la festa dei gigli di Nola. Ama trascorrere i weekend al cinema o prendendo parte ad escursioni nei posti più belli della Campania.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts

a2it.it

081News.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Nola al n.2/14.
Eventuali segnalazioni possono essere inviate a redazione@081news.it o sui social ai contatti con nome Zerottouno News.
La testata è edita e diretta da Aniello “Nello” Cassese, sede legale in Liveri (NA) – via Nazionale n.71, sede operativa in Nola (NA) – via Giordano Bruno n.40.